Il termine tallonite identifica nel linguaggio comune una condizione infiammatoria-dolorosa del tallone. Più frequentemente tale patologia si verifica negli sportivi, anche se non è infrequente la comparsa nelle donne e negli anziani. Il dolore si manifesta intensamente al mattino durante i primi primi passi.

LE CAUSE

La tallonite può essere provocata da vari fattori:

  • la presenza di una sporgenza ossea del tallone che può essere congenita o formarsi successivamente;
  • il sovrappeso;
  • calzature non idonee;
  • terreni non idonei;
  • prolungata attività sportiva, con eccessive sollecitazioni o contusioni della superficie plantare del piede;
  • alterazioni della postura;
  • patologie reumatiche;

COSA FARE

Le differenti cause che provocano la tallonite possono sviluppare l’infiammazione dei tessuti molli della regione sottocalcaneale.
Una volta definita la causa, lo specialista provvederà a prescrivere adeguate indagini diagnostiche, come Rx, ecografia, RM, esame posturografico. La terapia consisterà nel riposo e nella fisioterapia: questa sarà rappresentata dall’allungamento della catena muscolare posteriore e dall’utilizzo macchinari al fine antinfiammatorio come la laserterapia o gli ultrasuoni.

L’applicazione di Taping Neuromusclare è un valido supporto nell’alleviare la sintomatologia e favorire, in caso di soggetti sportivi, la continuazione dell’attività fisica.

Nei casi più difficili lo specialista (fisiatra, specialista ortopedico o medico sportivo) potrà effettuare sedute di infiltrazioni o di ozonoterapia.